homepage


Non solo vini. La Murgia offre numerosi prodotti agricoli, fra cui spicca l’olio extravergine di oliva, protagonisti della gastronomia locale che, proprio per l'intenso legame con la cultura contadina, viene spesso definita come “cucina povera”. Dall'antico passato in cui la giornata delle donne si divideva fra il raccolto e la gestione della casa, i ristoratori hanno recuperato e valorizzato ricette veloci e semplicissime come il“pancotto”. 
Molteplici varietà di ortaggi coltivate, alle quali si aggiungono verdure spontanee, legumi e cereali, per dare vita ai “classici” della cucina pugliese: purè di fave e cicorie, cime di rapa con fagioli, funghi cardoncelli con cicerchie. Sodo e fragrante, il fungo cardoncello ispira gran parte delle ricette dell'area murgiana dove cresce spontaneo come la cicoriella selvatica, il cardo e il lampascione, un bulbo dorato da assaporare bollito, fritto o sott’olio che conquista con i suo sapore amarognolo.

Leggi tutto...

Allievo di nonni e genitori di estrazione contadina, Pietro Zito nel 1992 decide di dar vita ad una attività di ristorazione nel piccolo borgo di origine Montegrosso , un posto difficile da raggiungere anche dall’autostrada. Con sapienza rurale, ostinazione ed amore per la terra oggi Chef Zito ha ridato valore alla ruralità ed alla cultura contadina mettendo al centro la campagna come motore delle micro economie locali. Tutto questo grazie ad una passione che si è fatta idea, ad una idea che si è fatta ristorante. 
Pietro Zito di mestiere fa il contadino con cucina. In una società dove il superfluo è divenuto il necessario, da Antichi Sapori si vive l’emozione della riscoperta del necessario attraverso l’esperienza della “cucina della sopravvivenza”ovvero la cucina contadina.

Leggi tutto...